PROBLEMI DI SURRISCALDAMENTO

 

 

 

I problemi di surriscaldamento più comuni sono:

 

  • Guasto alle ventole (blocco o rottura).
  •  
  • Ostruzione di ventole o dissipatori (polvere, polline, peli di animali domestici, peli di coperta, nicotina ecc.)
  •  
  • Pasta termoconduttiva deteriorata.
  •  
  • Dissipatori poco efficaci poichè non strettamente a contatto con con scheda video, processore ecc.
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

 

Nel caso di problemi alle ventole, vanno ovviamente sostituite e solo in alcuni rari casi non risulta indispensabile, anche perchè il costo maggiore è relativo allo smontaggio e non al pezzo in se.

 

 

L'ostruzione causata da particelle varie è dovuta al fatto che ogni PC (fisso o portatile), dovendosi procurare aria fresca dall'ambiente esterno ed espellerla dopo averla veicolata verso i dissipatori di calore, crea un effetto aspirapolvere.

 

Solo una piccola parte del pulviscolo aspirato resta all'interno del nostro portatile, ma con il tempo i volatili grassi come la nicotina o quelli della cucina e le particelle di dimensioni più importanti, come i peli degli animali domestici o piccoli residui di coperte o maglioni, creano un vero e proprio blocco.

 

Creato il blocco le ventole giranno all'impazzata senza grande risultato, la temperatura sale e il portatile si spegne per evitare danni peggiori. Se non ci sono altri problemi, pulendo i dissipatori e sostituendo la pasta termoconduttiva, ove presente, il notebook ricomincia a fare il proprio lavoro.

 

A volte è solo la pasta termoconduttiva a deteriorarsi con il tempo; tende ad asciugarsi per via del calore continuo e con il tempo si secca non riuscendo più a condurre il calore ai dissipatorl con la dovuta celerità.